Bazaar & Loggerhead: la marcia in più per gli sviluppatori liberi

Per un programmatore è sempre viva la necessità di avere al proprio fianco, tutti gli strumenti che possano fare la differenza, non solo nello sviluppo ma anche nella gestione dei progetti.

In questo articolo darò alcuni consigli, utili alla installazione di due software liberi, che quotidianamente utilizzo come strumenti di controllo versione dei miei progetti.

Parlo di Bazaar e Loggerhead, il primo è il vcs (Version Control System) vero e proprio mentre il secondo è una comodissima interfaccia web, che ci permetterà di navigare agevolemente, tra le varie versioni di ogni singolo progetto.

Bene, iniziamo la configurazione partendo dal presupposto di avere una postazione con Debian a bordo, ovviamente le istruzioni possono essere facilmente adattate ad una qualsiasi distribuzione GNU/Linux.

Primo passo aggiornare i repository ed installare i pacchetti bzr e loggerhead, quindi dal nostro terminale di root:

apt-get update
apt-get install bzr loggerhead

a questo punto dopo aver confermato tutte le dipendenze ed atteso la fine delle operazioni di download ed installazione, abbiamo il nostro “server vcs” in funzione, non ci resta che configurarlo.

Il secondo passo è quello, caldamente consigliato, di creare un utente che debba occuparsi dei progetti, nell’esempio userò pippo:

adduser pippo

il sistema ci chiederà di impostare la password, quindi potremo accedere come utente pippo e creare il nostro primo catalogo (repository):

mkdir catalogo
bzr init-repo catalogo

ora abbiamo il nostro primo catalogo online su bzr, chiaramente è vuoto ma vedremo anche come popolarlo, prima di andare avanti consiglio di dare una lettura al manuale del comando bzr, sarà infatti utile per capire al meglio tutte le funzionalità che questo software ci offre, anche nella fase di creazione del catalogo.

Il terzo passo sarà dedicato alla configurazione di loggerhead, molto semplice, basterà creare il file di configurazione /etc/serve-branches.conf e riavviare il servizio, ecco come si presenta il file di configurazione:

served_branches=/home/pippo
prefix=/loggerhead
port=8080

riavviamo loggerhead

/etc/init.d/loggerhead restart

a questo punto accedendo tramite il nostro browser, possiamo collegarci all’indirizzo ip del server vcs sulla porta 8080, per vedere i nostri progetti e le relative revisioni.

Loggerhead esempio web

Info su Andrea Cometa

Andrea Cometa è un professionista dell'informatica, consulente ERP, esperto in Software Libero e migrazioni digitali. Strettamente legato alla sua terra, Grottaglie, attivista di Sud in Movimento, associazione politico culturale che da oltre dieci anni si occupa di sollevare l'attenzione in materia ambientale.
Questa voce è stata pubblicata in Programmazione e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.